,

PIT STOP…da DIO 2020

E’ la prima volta che ho vissuto l’esperienza del Pit Stop a La Verna

Sono partita carica e piena di entusiasmo…recarsi in un posto cosi sacro, dove San Francesco ha calpestato con i propri piedi il terreno di quel monte; mi riempiva di onore il cuore solo al pensiero di poter avere la possibilità di andare a calpestare con i “MIEI PIEDI” quel terreno, ricco di grazie e santità.

Nel mio cammino di fede San Francesco è stato sempre presente e anche in questa occasione mi ha guidato a vivere questa santa esperienza.

Le prime parole di lode e di ringraziamento va a coloro che sono state nel corso di quei 3 giorni le nostre guide: Suor Nadia, Suor Alessandra e Suor Catia; che tramite la parola del vangelo, di San Francesco e la preghiera quotidiana mi hanno fatto vivere la preghiera e fatto incontrare Gesù in momenti che ancora non avevo sperimentato: i momenti di preghiera quotidiana (lodi, vespri, compieta…e adorazione..! ), e i momenti di servizio dove regnava una grande spiritualità tra noi ragazzi e senso di comunità nel prestare servizio. Non mi aspettavo che in questi momenti si potesse avere l’opportunità di pregare e di incontrare nella “spiritualità del servizio” Gesù.

Questa esperienza è stata una vera e propria benedizione per il mio cammino di Fede e di vita!

Consiglio a tutti di farla! Ti mette in mano l’occasione di rispondere a tutte quelle domande che fino ad ora ti eri posta su te stessa (lavoro, scuola e tanto altro) e sulla tua fede.

Non sono tornata però con tutte le risposte!! Quindi…. vale proprio la pena ritornarci!!!

Roberta Di Franco.

Qualche giorno dopo esser tornata a casa dal Pit Stop ho preso la Partenza: una volta che si arriva alla fine del proprio percorso scout come educando, ti viene posta davanti la scelta che ti porta alla condivisione o meno di tre valori/aspetti della vita: scelta politica, servizio e fede.

Al Pit Stop ho avuto la possibilità di mettermi al servizio degli altri ed è stata l’ennesima conferma di quanto questo valore sia fondamentale nella mia vita e di quanto mi abbia e mi stia facendo crescere. Il discorso sul punto fede invece è un po’ più complicato. Essendo una persona razionale e concreta, fatico nell’idea dell’affidarsi, ma allo stesso tempo tendo a pensare ed indagarmi molto e i momenti di riflessione, catechesi e deserto sono per me fondamentali. Grazie questi momenti ho colto l’occasione per riflettere sul perchè abbia scelto di prendere la partenza e non il saluto una volta e credo che l’essere stata l’unica scout del gruppo mi abbia aiutato. Condividere la mia esperienza con persone al di fuori dello scoutismo mi ha fatto vedere come viene percepito questo ‘mio’ mondo dal di fuori e questo confronto mi ha aiutato nel riflettere sulle mie scelte.

Nonostante i pochi giorni condivisi assieme, ho percepito un forte clima di comunità, favorito anche dalla condivisione del servizio che secondo me da la possibilità di conoscere meglio l’altro.

Sicuramente sarebbe stato ancora maggiore se avessimo avuto la possibilità di condividere quanto veniva fuori dalle riflessioni proposte così da avere altri spunti.

Consiglio quest’esperienza soprattutto se si hanno dubbi o bisogno di indagarsi. Non bisogna sentirsi frenati dal fatto che possa essere interpretata come un ritiro spirituale, perchè nonostante i propri punti di vista sul punto fede credo che prendersi del tempo per se stessi, per indagarsi e per gli altri aiuti a crescere.

Anna Cangini

,

Giuditta in Africa…

Mi chiamo Giuditta, ho 17 anni e da quando sono piccola desideravo andare in Africa. Mai potrò dimenticare i sorrisi, le carezze e la semplicità dei bambini che appena sono arrivata  dopo tante ore di macchina mi hanno accolta e hanno subito ripagato tutte le difficoltà e le fatiche del viaggio. A Charre ho avuto la possibilità di vivere nella totale diversità, in un mondo completamente differente e privo di qualsiasi distrazione. Stare a stretto contatto con la natura riporta l’uomo alla vera essenza del suo essere parte del creato. La comunità di Charre è stata per me simbolo di autenticità, in cui ho potuto apprezzare tutti quei valori che nel nostro paese sono offuscati dal benessere e dal consumismo come ad esempio la purezza dei bambini che si manifesta anche solo dal calore di una risata o dalla premura di una bimba con il fratellino portato sulla schiena. Ora che sono a casa mi rendo conto che in realtà tutto ciò che possiamo avere è poco in confronto a ciò che loro giorno per giorno coltivano nel loro cuore. I momenti che ho passato con le ragazze della mia età sono stati molto belli perché sono riuscite a superare la diversità mostrandosi immediatamente desiderose di vivere un amicizia con me. Il confronto con loro mi ha fatto riflettere molto sulla differenza con le mie amiche rispetto a desideri, passioni o aspirazioni. Mi sono portata a casa il desiderio dei bambini di ricevere un bicchier d’acqua e ogni volta che apro una bottiglia o mi lavo non riesco a non pensare a loro e alla loro acqua che non ha niente a che vedere con la nostra; prelevata tutti i giorni facendo una buca vicino al fiume. Mistura è il bambino di cui mai potrò dimenticare i lineamenti, i grandi occhi neri e quella vocina che tutti i giorni mi chiamava per salutarmi e darmi il buongiorno. È stata la dimostrazione d’affetto più spontanea, inaspettata e tenera che abbia mai avuto. Ringrazio dal profondo del mio cuore tutte le suore che ho incontrato che mi hanno accolta con entusiasmo e mi hanno permesso di vivere questa bellissima esperienza. La loro testimonianza di forza e coraggio nelle avversità e la tenacia con cui sono fedeli alla loro missione hanno forgiato il mio cuore e sono sicura che questo mi aiuterà nelle difficoltà che incontrerò nella vita. E infine cosa dire della mia compagna di viaggio sennonché madrina di battesimo? La sua vicinanza e la libertà che mi ha lasciato nel vivere questa esperienza mi ha dato molta sicurezza e fiducia in me stessa… un solo rammarico, avrei dovuto cominciare prima a fare esperienze di vita con lei… ma c’è ancora tempo!!!!!! Grazie



,

Pit stop….da Dio!!

Ecco qualche pensiero sparso, scritto durante un momento di riflessione, il sabato pomeriggio, dopo avere parlato, nell’incontro, di solitudine e silenzio: “…tutte le condizioni sono perfette adesso; perchè sono nel portico, e c’è pochissima gente qui perchè fa’ freddo. Quindi sono comodo in poltrona, e mi godo una bellissima pioggia di montagna…
In questo momento il sentimento che sento più forte in me è la gratitudine.
Voglio dire grazie per questi giorni…alle suore per questo ritiro.
Fà ridere il titolo, ma mi tocca ammettere che è azzeccatissimo: Pit Stop.
Mille volte grazie: ho riso fino a star male, ho condiviso tanto – come non facevo da tanto tempo, ho giocato come un bambino.
E poi mi ha dato l’occasione per “partire”: lasciare tutto e mettermi in cammino, per poi raggiungere la meta, con il cuore pieno di tutto quello sentito in viaggio.
E non è finita qui: oggi mi hanno dato anche la motivazione del mio viaggio: il perchè del mio desiderio.
Già, perchè abbiamo parlato di solitudine e di silenzio; dell’importanza VITALE di ritagliarsi questi momenti. Sembra complicato, ma si impara (aggiungo io), camminando…”.

Andrea

E’ più bello insieme!

ESPERIENZA INTERCONGREGAZIONALE ESTATE 2018

Scusate… Ma cosa ci fa una suora vestita di marrone in mezzo alle suore della Sacra Famiglia?

La risposta è semplice: fa “la sorella”. È questa, in fondo, la sintesi dell’esperienza intercongregazionale che ho avuto la grazia e la gioia di vivere quest’estate a La Verna. Ho trascorso circa 1 mese (dalla fine di giugno alla fine di luglio) insieme  alle suore della Sacra Famiglia e a due giovani volontarie (Jessica e Chiara), nella casa di spiritualità “La Roccia”, per vivere una piccola ma intensa esperienza di scambio e di collaborazione tra i nostri due Istituti religiosi. Un piccolo segno di quanto anche papa Francesco più volte ci ha indicato come espressione concreta della multiforme bellezza della Vita Consacrata fatta di tanti “colori” e di tanti carismi, certamente diversi, ma tutti al servizio dell’unico grande carisma: la Comunione. A questo proposito cito qui un passo molto significativo della Lettera a tutti i consacrati che il nostro papa Francesco ha scritto nel 2014 in occasione dell’Anno della Vita Consacrata:

“…Mi aspetto inoltre che cresca la comunione tra i membri dei diversi Istituti. Non potrebbe essere quest’Anno l’occasione per uscire con maggior coraggio dai confini del proprio Istituto per elaborare insieme, a livello locale e globale, progetti comuni… In questo modo potrà essere offerta più efficacemente una reale testimonianza profetica. La comunione e l’incontro fra differenti carismi e vocazioni è un cammino di speranza. Nessuno costruisce il futuro isolandosi, né solo con le proprie forze, ma riconoscendosi nella verità di una comunione che sempre si apre all’incontro, al dialogo, all’ascolto, all’aiuto reciproco…”

Questo, in fondo, è stato il desiderio che mi ha spinto ad accogliere questa proposta. Senza pretese e senza troppi progetti, ma con semplicità e fiducia sono partita per questa “avventura”.

Preghiera liturgica e preghiera personale, condivisione, collaborazione, accoglienza, lavoro, fraternità, riposo… tutte dimensioni che ci hanno accompagnato e hanno dato significato e profondità alle nostre giornate. Tutto nello spirito tipicamente francescano. Infatti, anche il luogo stesso  -il santuario della Verna-  ci ha aiutato a vivere intensamente questi giorni: qui tutto ci parla di san Francesco… e san Francesco in tutto ci parla di Dio. E anche nella bellezza della natura e nei volti delle tante persone incontrate (famiglie, sacerdoti, religiose, anziani, giovani, bambini) ho potuto cogliere un riflesso della tenerezza di Dio e del suo Amore, che abita la nostra storia, la nostra vita, le nostre relazioni, i nostri desideri di bene.

Grazie, dunque, a tutte le sorelle della Sacra Famiglia che hanno condiviso con me questa esperienza. E grazie soprattutto per aver creduto insieme a me e alle sorelle del mio Istituto (le Sorelle di san Francesco della diocesi di Mantova) nella forza e nella bellezza di questo segno “profetico” di cui oggi abbiamo tanto bisogno e che la Chiesa è chiamata a testimoniare nel mondo.

Pace e Bene a tutti!

Il Signore vi benedica

Suor Elisabetta Maria

,

Gruppo parrocchiale di Brisighella a La Verna

“Ecco com’è bello e com’è dolce

che i fratelli vivano insieme”

(Sal 133)

Finalmente di nuovo qui alla Casa “La roccia”, proprio sotto il Santuario di la Verna.

Appena arrivati avverto una pace gioiosa ed uno spirito di intensa comunione con tutti i componenti il gruppo, una dimensione di piccola Chiesa. C’è una sintonia ed un’ armonia profonda.

Il tempo si snoda tra il Santuario e la casa: su è un’intimità personale con il Signore, giù una continua preghiera condivisa perché nella casa tutto si fa preghiera nelle risate, nella gioia, nei silenzi, nel parlarci, nel dirci, attorno alla grande tavola dove condividiamo il cibo.

Ogni giorno saliamo al Santuario: è un salire al monte come una salita al Tabor da cui poi discendere con la certezza di sentirci più noi stessi, ritrovati, ricomposti, pacificati, arricchiti.

Eccoci tutti fratelli e sorelle nell’amore del Padre. E il versetto del salmo diventa vita.

Ci muoviamo sui passi di Francesco, percorriamo i suoi sentieri nel tempo che si dilata per permetterci di godere la bellezza attorno a noi  nei boschi, nel paesaggio, tra i prati, nei colori dei fiori e delle farfalle. Stiamo vivendo il Cantico delle Creature .

E arriva il momento dei saluti, del ritorno.

Siamo grati a Dio e alle suore per questo dono raro e prezioso che portiamo con noi.

La casa “ La roccia” ci aspetta per i prossimi incontri: piaccia al Signore che ciò sia possibile.

Aurea