ANCHE DA NOI È ANCORA DI MODA
CONSACRARSI A DIO

Aveva continuato a camminare. Ormai il silenzio era profondo, si sentiva soltanto il rumore uguale e nervoso dei suoi passi. Poi finì anche il viale, e si trovò a calpestare il sentiero sabbioso che portava sulla spiaggia.
Era un sentiero noto, che attraversava da sempre. Tanti anni prima, quando faceva quel tratto, papà la sollevava sulle spalle, e lei lassù faceva «cavalluccio» e si sentiva padrona del mondo, con quella fiducia che è tipica soltanto dei bimbi.
Era passata più tardi con la maestra… e poi avanti, insieme a tutti i compagni di classe per festeggiare la promozione, insieme a quel gruppo di amici, quella sera che avevano acceso un falò e poi cantavano col viso illuminato da un fuoco gagliardo e scoppiettante… quella mattina in cui era venuta a vedere l’alba… quel giorno in cui il mare era tanto mosso che aveva sollevato e spaccato due banchine del molo… quella volta in cui aveva trovato un cucciolo morto portato dalle onde sul bagnosciuga…

Adesso camminava vicino all’acqua discutendo tra sé; da qualche tempo Cristo l’aveva investita con una frase sconcertante: «Va, vendi quello che hai e seguimi… ».
— No, non può essere, non è cosa per me… mi preme troppo la mia carriera, il mio lavoro… ho già in mano un avvenire che si preannuncia pieno di soddisfazioni… e tutto è lecito, tutto è normale… mi sto sbagliando, figuriamoci!

…leggi tutto!

In cammino con i giovani

CasAurora a Modigliana

La Roccia a La Verna